RIENTRO DALLE VACANZE

creta-laguna-di-balos-05.jpg 

Vacanze?

Boh, quest’anno mi sembra di non averle neanche fatte e sono tornata piu’ spompata di prima.
11 giorni a Creta in Agosto riuscirebbero ad assorbire tutte le energie perfino al coniglietto Duracell, figuriamoci a me e Ninno che siamo partiti gia scarichi e malaticci.
Comunque qualche breve considerazione su Creta e sulle vacanze in generale:

  1. Creta in Agosto non ha nulla della Grecia romantica che io e Stefano ricordavamo di aver vissuto negli anni passati. Niente pace, niente spiagge solitarie, niente cenette al lume di candela in riva al mare. Tanta gente. Ovunque. Rumorosa, sboccata, invadente. Traffico incontrollabile. Edilizia selvaggia con centinaia di albergoni e alberghetti seminati sulla costa settentrionale per chilometri e chilometri. Il turismo di massa si insinua ormai dappertutto e ogni menu che si rispetti ha inserito tra i piatti caratteristici anche la specialita’ greca “spaghetti alla bolognaise“. Un disastro.
  2. Il concetto di autostrada a Creta e’ diverso dal nostro. In realta’ la nuova autostrada che unisce Creta Est a Creta Ovest e’ uno stradone a due corsie dove le macchine piu’ lente viaggiano nella corsia d’emergenza per dare l’opportunita’ di sorpassare a chi e’ piu’ veloce. Bah!
  3. Le spiagge sono diventate dei camping giornalieri. E’ molto diffusa la moda di arrivare in spiaggia con la mitica tenda Quetchua della Dechatlon, si proprio quella che lanci in aria e si monta all’istante. Vista la temperatura rovente delle spiagge cretesi in agosto, e’ praticamente impossibile resistere al sole senza scottarsi anche con protezione +50. Molto divertente assistere alle scene di gente che lanciava la tenda che una simpatica raffica di meltemi andava a posizionare 800m piu’ in la’ tra i rovi spinosi o in mezzo al mare.
  4. I nordici (ma non solo loro) amano le ustioni. Nonostante le campagne di sensibilizzazione, prevenzione e i consigli dei dermatologi, la maggior parte della gente si espone al sole senza nessun tipo di protezione. Risultato: un bel colore viola acceso fin dalla prima esposizione.

Critiche a parte, Creta e’ un’isola bellissima e la consiglio vivamente a tutti nei restanti 11 mesi dell’anno. Da ricordare:

  1. Il borgo restaurato di Milia: un’oasi di pace e tranquillita’ nel delirio d’agosto
  2. Elafonissi e Balos: due delle spiagge piu’ belle mai viste
  3. Il Tacos, ovvero la frisa pugliese rivisitata con l’aggiunta di formaggio di capra
  4. Le capre Kri Kri: sono dappertutto. Curiose, buffe, simpatiche … produttrici di ottimi formaggi!
  5. Le mangiate di pesce fresco a Chania: ringraziamo i ristoranti Apostolis (quello non turistico) e Akrogiali a Neo Chora.
  6. La pace e il rigore dei monasteri ortodossi sparsi per tutta l’isola.
  7. L’affresco raffigurante le scene di tauromachia e altri reperti del museo archeologico di Iraklio (ATTENZIONE: il museo vero e proprio e’ chiuso per ristrutturazione, resta aperta solo una sala con alcuni degli esemplari piu’ importanti del museo)
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...