BIG FISH

big-fish.jpg

Big Fish di Daniel Wallace

Tropea 2003, (11€)

Ho visto il film di Tim Burton al cinema qualche anno fa e l’ho trovato incredibile. Bello, commovente, ricco di meraviglia e amore per la vita. Quando ho visto il libro sullo scaffale ho deciso che dovevo leggerlo e che sarebbe stato un bel regalo per Ninno, cosi’ l’ho comprato. Da allora e’ rimasto nascosto in libreria e l’ho scoperto solo qualche settimana fa riorganizzando gli scaffali.

Non ripropone esattamente la trama del film, pero’ trasmette le stesse sensazioni ed emozioni.

Lo consiglio davvero a tutti.

In occasione di una delle nostre ultime gite in macchina – mio padre era alla fine della sua vita terrena – ci fermammo nelle vicinanze di un fiume, raggiungemmo a piedi la riva e ci sedemmo all’ombra di una vecchia quercia.
Dopo un paio di minuti mio padre si tolse scarpe e calzini, immerse i piedi nell’acqua che scorreva limpida e resto’ li’ a fissarli. Poi chiuse gli occhi e sorrise. Non lo vedevo sorridere cosi’ da molto tempo.
All’improvviso fece un profondo respiro e disse: “Mi viene in mente…”.

Si interruppe, pensieroso. I ricordi, quando li aveva, erano lenti a venire, cosi’ immaginai che stesse cercando di ricordare qualche barzelletta, lui ne aveva sempre una pronta, oppure volesse raccontarmi una storia sulla sua vita avventurosa ed eroica. Mi chiedevo, che cosa gli viene in mente? L’anatra nel negozio di ferramenta? Il cavallo nel bar? Il bambino alto come la zampa di una cavalletta? O forse l’uovo di dinosauro che una volta trovo’ e poi perse, oppure il paese che governo’ per quasi una settimana?

“Mi viene in mente quando ero bambino.”

Guardai quel vecchio, il mio vecchio, con i piedi bianchi immersi nell’acqua limpida – erano gli ultimi momenti della sua vita – e all’improvviso pensai a lui semplicemente come a un bambino, un ragazzo, un giovane con tutta la vita davanti proprio come me ora. Non l’avevo mai fatto prima. E queste immagini, il presente e il passato di mio padre, si fusero insieme e lui si trasformo’ in una creatura misteriosa, indomita, giovane e insieme vecchia, morente e appena nata.

Mio padre divento’ un mito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...