LADY IN THE WATER

ladyinthewater3_large.gif

LADY IN THE WATER di M. Night Shyamalan (2006)

Non sono ancora riuscita a farmi un’opinione di Shyamalan. Non capisco se i suoi film mi piacciono oppure no. Il Sesto Senso carino la prima volta, Unbreakable dovrei rivederlo, Signs cacata, The Village ni….

L’ultima opera del regista-sola (con la “o” aperta) ha ricevuto solenni stroncature e apprezzamenti incondizionati, esattamente come i film precedenti. In Italia, il solito trailer fuorviante, ha presentato Lady in The Water come un film de paiura e mistero, cosa che naturalmente non e’. In realta’ si tratta di una bedtime story, una favola che si narra ai bimbi prima di andare a letto, e come ogni favola che si rispetti ha i suoi eroi, i suoi mostri e un lieto fine.

La storia si svolge all’interno di un tipico condominio americano, The Cove, che si erge attorno a una bella piscina a forma di cuore e dove vivono una serie di bizzarri inquilini: la vecchia signora amante degli animali, l’appassionato di enigmistica, l’atleta che allena solo una meta’ del corpo, un simpatico gruppo di fankazzisti cannaioli e cosi’ via. Cleveland, il custode e tuttofare del complesso, e’ un ex-medico che ha perso tragicamente la sua famiglia e che vive alla giornata trovando ragion d’essere nel suo aiutare i condomini a risolvere le piccole beghe quotidiane: un tubo che si tappa o una finestra che non si chiude bene. Un bel giorno Cleveland scopre che la piscina e’ abitata da Story, una Narf -ninfa d’acqua- che ha disperatamente bisogno dell’aiuto degli umani per ricongiungersi al suo mondo. Ma la presenza di Story all’interno di The Cove non e’ un caso, la ninfa e’ venuta ad annunciare all’Eletto importanti rivelazioni sul futuro della razza umana, e sara’ proprio Cleveland a scoprire la vera identita’ del prescelto, Vik Ran (interpretato dall’umilissimo Shyamalan) e a riconoscere tra gli inquilini di The Cove gli altri protagonisti della favola: l’interprete, la persona che guidera’ Story nel passaggio verso il suo mondo;  il difensore, che difendera’ Story dagli attacchi dello Scrunt, la bestia dal manto erboso che rappresenta il male; la gilda, il convivio di persone che infodera’ a Story la forza necessaria nel momento del bisogno. Lo stesso Cleveland scoprira’ di essere il guaritore, colui che salvera’ Story dalle ferite mortali inferte  dallo Scrunt.

Una favola deliziosa e tenera, che presenta momenti di vera comicita’, grazie alla presenza degli improbabili abitanti di The Cove, che sposano senza indugi la causa di Story e si prodigano per riportare la ninfa nel suo mondo. L’unico personaggio che resta disperatamente legato alla cinica realta’ e’ anche l’unico che fa una brutta fine e viene divorato dallo Scrunt; guardacaso si tratta di un critico cinematografico, magari proprio uno di quelli che troppo spesso si sono avventati con ferocia sulle opere di Shymalan, facendole a pezzi.

Molto toccante la scena in cui Cleveland “guarisce” Story, parlandole come se si rivolgesse a sua moglie e a sua figlia. In realta’ scoprira’ di essere prorpio lui a essere stato “guarito” e aver ritrovato la fede nella vita.

Consigliato a tutti i bambini dai 4 ai 90 anni.

Annunci

One thought on “LADY IN THE WATER

  1. Pingback: E VENNE IL GIORNO « Nem blong me Valeria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...