QUEL CHE RESTA DI VIENNA

Ponte dell’Immacolata a Vienna. In macchina. Oltre 1700 Km in poco piu’ di tre giorni.
Una mazzata dalla quale sono tornata piu’ stanca di come son partita, ma va bene cosi’
Giri non convenzionali e grandi mangiate, ecco quello che resta del mio viaggio di Vienna (oltre a una gran puzza di fumo attaccata a tutti i vestiti, piumino compreso):

1 – Knoblauchsuppe. La mitica zuppa d’aglio con tanti crostini e la panna acida. Il solo nome evoca notti insonni, ma al di la’ di quello che si puo’ pensare e’ buonissima!

knoblauchsuppe.JPG

2 – Vienna di sera. Luci e ombre rendono magica la citta’, anche se piena di turisti.

luci.JPG

3 – Naschmarkt. Mitico mercato della frutta e delle pulci nel quale e’ piacevole perdersi e vagare alla ricerca dell’oggetto inutile o di quella specialita’ alimentare che giusto ci manca in dispensa. Lo zainetto e’ stato riempito di una rilevante quantita’ di fuffa: orsetto nero con faccino incazzoso, ma simpatico; spille sbrillucicanti a soggetto felino; vaso in ceramica assolutamente superfluo.

Ma dove abbiamo davvero dato fondo al portafoglio e’ stata nella zona alimentare: pane, salsicce, olive, dolci, filettino affumicato di maiale e leccornie simili…

cetriolijpg.jpg  pesce2.JPG  pesce.JPG  orsetti.JPG  message.JPG

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...